Padre Franzi: la Pasqua

11 aprile 2020

Padre Franzi: la Pasqua

Alla scuola dei maestri

Padre Franzi: la Pasqua

Nell'articolo precedente abbiamo inaugurato una nuova rubrica. Il titolo è Alla scuola dei maestri. Leggiamo insieme gli scritti di persone che sono stati un riferimento. Il brano analizzato era brano preso dal libro Dallo scrigno del cuore di Maria. L'autore è padre Francesco Maria Franzi oblato e vescovo ausiliare della diocesi di Novara (1910-1996). Il titolo dell'articolo è Il cuoredi Maria nella passionedi Gesù. Il capitolo che proponiamo ora, in conformità con i giorni che viviamo, è Il cuore di Maria nella Risurrezione di Gesù, da pag. 79 a pag. 83 del suddetto libro.

 

IL CUORE DI MARIA

NELLA RISURREZIONE DI GESU'

Che cosa tumultuava nel Cuore di Maria quella sera del Venerdì Santo, quando, deposto Gesù nel sepolcro e rotolata la grande pietra di chiusura, dato l'ultimo sguardo alla tomba del Figlio, al patibolo rimasto piantato sul Calvario, scendeva a Gerusalemme?

Ogni anno la Chiesa, nel Sabato Santo, ci invita a vivere nella « devota attesa » della Risurrezione. Pieno di tale « devota attesa » era il Cuore di Maria; ma quale profondità e ric-chezza di sentimenti costituivano la sua « devota attesa »!

 

Pieno di speranza e di dolore

Il Figlio sarebbe risorto. La sua vittoria ormai era segnata, anche se ancora non ne splendeva la gloria. Il nuovo « Regno » — quello che il Divin Morente aveva promesso al ladro pentito —, era ormai instaurato. Maria viveva nella speranza. La speranza, che è virtù propria della nostra vita soprannaturale, non è soltanto un desiderio, una fiduciosa attesa, una serena previsione; è la certezza, fondata sulla parola di Dio, di un avvenimento futuro che verrà perché Dio l'ha promesso. E Dio non manca di parola. Se una incertezza resta nella speranza è quella che viene da noi. Ci apriremo noi all'opera di Dio?

Piena, perfetta nel suo dinamico protendersi verso Dio; incrollabie, nel suo radicarsi sulla promessa di Dio, la speranza colmava il Cuore di Maria in quei giorni di « devota attesa ».

E tuttavia quel Cuore era ancora lacerato dagli strazi della Passione e della Morte del Figlio. Non tormentavano, più il Figlio le ferite del suo corpo che giaceva nel buio del sepolcro in attesa della grande ora; ma erano ancora aperte e sanguinavano nel Cuore di Maria. Ella trovava ancora, nelle sue mani, sul volto, sugli abiti, tracce del Sangue del Figlio!

Il dolore non si oppone alla fede e alla speranza. « Forse che non sperava che sarebbe risorto? Certamente. E allora soffrì per la sua crocifissione? E fortemente» (S. Bernardo).

Il dolore non è un difetto morale; non solo è retaggio della nostra vita di pellegrini; ne è anzi un valore morale. E così Maria portava nel suo Cuore, in quei giorni di attesa, tutto lo strazio e l'angoscia del Calvario. Nella speranza della risurrezione, Ella continuava la sofferenza della Passione; quella sofferenza che ormai il Figlio non soffriva più. La Chiesa, che vede in Maria il suo tipo ideale, si rispecchia nel suo Cuore. Anch'essa vive di speranza; ma la sua speranza è sempre impregnata di dolore. Il dolore per la Passione di Cristo, che sempre continua nei molteplici dolori dei Cristiani: e talvolta sono dolori gravissimi, nell'anima e nel corpo; sono dolori degli individui e della Chiesa stessa. Il dolore per i traviamenti degli uomini che ancora crocifiggono « Cristo »; traviamenti individuali; ma sovente anche traviamenti sociali; infedeltà a Cristo e alla sua Parola; inefficienza apostolica; smarrimento del « sapore » evangelico, si da ridursi ad essere « sale diventato scipito... ».

La Chiesa, che porta le debolezze dei suoi figli, ne piange i peccati, ne subisce il tradimento, sempre presso l'Altare della Divina Vittima, si specchia nella speranza di Maria. — Una speranza impregnata di dolore. E tale è la speranza di ognuno di noi. Speriamo la vita eterna: e intanto procediamo faticosamente tra le rinunce che ci dobbiamo imporre per restare fedeli a Cristo: e le sofferenze che accompagnano sempre la vita. Speriamo il Regno di Dio; e intanto soffriamo le conclamate vittorie del male, la resistenza, anzi la lotta, opposte a Cristo.

Speriamo nella onnipotente bontà di Dio; e intanto soffriamo dei suoi misteriosi silenzi. Dio tace; Dio sembra lasciar fare... Più che mai la speranza, intrisa di pianto, del Cuore di Maria è per noi modello e incoraggiamento. « Lungo il viaggio, camminavano piangendo; nel ritorno se ne vengono carichi di premi » (cfr. Sal. 125,6).

 

Pieno di amore

Maria vide Gesù risorto? Fece a Lei, Gesù, la sua prima apparizione? Il Vangelo tace. Nella pietà cristiana, due voci. Alcuni dicono: « Non si può nemmeno proporsi la domanda se Gesù sia comparso anzitutto sua Madre. E' così evidente! ». Altri dicono: « La fede di Maria era perfetta; non aveva bisogno di vedere, come Tommaso, come gli Apostoli dubitanti, per credere... ».

Il grido di Tommaso davanti a Gesù risorto ci introduce nel Cuore di Maria. Anch'Ella ripete: « Mio Signore e mio Dio! » ma con quale maggiore profondità che l'apostolo, Ella che può

aggiungere: « e mio Figlio! ». E' un atto di fede. - Sempre il Cuore di Maria fu pieno di fede.

E' una fede che adora. Non è solo un atto speculativo: è un donarsi totale, con gioia, per amore, a Dio. Cristo è sentito come « Signore: ». E' maestà trascendente. Davanti a Lui, l'uomo è essenzialmente suddito; si impegna a obbedire sempre, in tutto, per amore. Cristo è sentito come « Dio ». E' la trascendenza creatrice e vivificatrice di Lui, che penetra nell'intimo di noi; ci costituisce nel nostro essere, ci fa esistere e ci sostiene nell'agire.

E noi ci sentiamo « opera di Dio, fattura delle sue mani »; creatura del suo amore. « In Lui viviamo, ci moviamo e siamo...». Egli dunque non è lontano da noi. Assai più profondamente che Tommaso, Ella affermava: « Mio Signore e mio Dio! ». Era quel medesimo palpito di fede, di adorazione e di amore con cui, nel mistero dell'Annunciazione, si era aperta a Dio: « Ecco, l'Ancella del Signore! ». Ora la fede sua , si era approfondita ed estesa, l'esperienza degli anni passati con Gesù, l'ascolto della sua parola, la considerazione dei suoi esempi; soprattutto l'esperienza sconvolgente della Passione con la straordinaria ricchezza di grazia che si era riversata sulla sua anima, avevano reso ancor più profonda la sua fede. Ella quindi aderiva a Gesù con una pienezza, con una dedizione, con un abbandono che noi non riusciremo mai a comprendere. Resterà per noi come un ideale, che ci invita ad alimentare la nostra fede, ripetendo anche noi, a Gesù: « Mio Signore e mio Dio!». Questo resta il programma della nostra vita; un programma che si fa sempre più alto e perfetto man mano che la fede cresce in noi. Una tal fede, portata a quella perfezione, ha l'incadescenza dell'amore. Tutte le virtù, infatti, confluiscono nella carità e quanto più si fanno perfette, tanto più ci avvicinano alla perfetta carità. Maria che contempla Gesù risorto! Lo adora; si dà a Lui: si perde in Lui; non vive che per Lui; trova tutto in Lui. « Mio Signore e mio Dio! ». E che altro è la carità? Fu un lampo solo questa vampata di « fede canta», che durò quanto l'apparizione del Figlio? - Per Tommaso, certo, fu una vampata il suo

« Mio Signore e mio Dio! ». Noi non reggiamo a lungo alla veemenza di questa tensione: tosto la nostra umana opacità fa da schermo. La perfezione morale di Maria La rendeva capace di una persistenza di tale pienezza di « fede-carità » che noi non possiamo sperimentare.

Nella vita dei Santi troviamo che queste esperienze soprannaturali li rapivano nella estasi. Ma l'estasi, insegnano i mistici, è la espressione della debolezza umana che non regge alla luce, alla incandescenza divina. Maria ha un'altra tempra. La sua immacolatezza, la sua « parentela » con Dio Le davano una certa « connaturalità » con queste manifestazioni divine. La sua vita, quindi, dall'incontro con Gesù risorto fino alla visione beatifica, fu piena di quella fede-carità », ma in una maniera soave e serena, che non Le toglieva la possibilità di trattare dei loro problemi quotidiani, di piangere e sorridere con loro, di compassionare e confortare...

Ma da Lei si riverberava la Luce di Cristo risorto.

Per noi è un ideale questo Cuore Immacolato pieno di « fede-carità », irradiante la gloria di Cristo risorto. E' l'ideale che ci delinea S. Paolo: « Noi tutti.., che riflettiamo, come in uno specchio, la gloria del Signore, siamo trasformati a sua stessa immagine, diventando sempre più gloriosi, a misura che opera in noi il Signore, che è spirito » (II Cor. 3, 18).

Il Cuore di Maria, è modello per noi Cristiani.

E' il nostro programma.

NOTIZIE



IL SANTUARIO VISTO DAL CIELO

mercoledì 06 maggio 2020


ALTARE ALL'APERTO

martedì 05 maggio 2020


Marino

venerdì 01 maggio 2020


Elenco completo →